Di stress ci si ammala, ma dallo stress si può guarire

Di stress ci si ammala, ma dallo stress si può guarire

Ti senti tirato in causa se leggi: stanchezza cronica, disturbi del sonno o dell’appetito, irritabilità del colon o stipsi, disturbi del tono dell’umore, alterazioni del battito cardiaco, difficoltà di concentrazione, attacchi di panico, crisi di pianto, frustrazione, ansia, sensazione di noia, disturbi del sonno, alterazione della funzionalità della tiroide/disturbi ormonali aspecifici, disturbi funzionali a carico dell’apparato cardio-circolatorio (es. ipertensione, ipotensione), cambio delle masse corporee non associate a cambiamenti nutrizionali (alterazioni metaboliche), abbassamento delle difese immunitarie (con maggiore vulnerabilità alle malattie), cefalee, problemi dermatologici, disturbi della sfera sessuale, ecc.

Ebbene, benvenuto nella grande famiglia dei MUS (Medical Unexplained Sintomps) ovvero sintomi vaghi e aspecifici che la classe medica fatica ad inquadrare in diagnosi e relativa terapia. La letteratura scientifica riconosce a tutt’oggi fino a 90 MUS, quelli appena riportati sono di fatto quelli più frequentemente registrati presso gli ambulatori di medicina generale.

I MUS sono una larga famiglia di disturbi di varia natura correlati allo squilibrio del Sistema Neuro-Vegetativo, legati soprattutto all’alterazione dell’asse HPA (Hipothalamic-Pituitary-Adrenal Axis, “asse Ipotalamo-Ipofisi-Surrene”).

Mi sono imbattuta in questa categoria, prima sconosciuta, quando cercavo di trovare soluzione per i tanti pazienti che si rivolgevano a me scoraggiati dal non riuscire a perdere peso o arrestare la caduta dei capelli nonostante stretta aderenza alle terapie. Tali pazienti manifestavano di base un basso tono dell’umore, si sentivano sempre stanchi e insoddisfatti e non raramente dormivano male.

Empiricamente ho sempre toccato con mano che la relazione col proprio peso corporeo o con i propri capelli rifletta ben più di quante calorie si introducano o che shampoo si utilizzi e nel mio approccio, spessissimo, la terapia nutrizionale e la gestione dello stress si inseriscono nell’approccio antiage e di cura dei capelli, ma sentivo che c’era di più

Come si spiega altrimenti la facilità del tornare al peso forma quando si fanno delle scelte sentimentali o lavorative più affini al nostro sentire? O viceversa i gonfiori al termine di una giornata di lavoro snervante? E vogliamo parlare dei disturbi del sonno? Insomma il benessere passa attraverso l’ascolto di questi segnali che fortunatamente ora riusciamo a quantificare scientificamente grazie all’approccio integrato di studio della composizione corporea (test scientifici rigorosi quali la BIA-ACC Analisi Clinica della Composizione Corporea), e del funzionamento del sistema nervoso autonomo in relazione con lo stress.

E come spesso accade: “quando si chiede, la risposta arriva!” A me è arrivata attraverso l’incontro con il Dottor Marco Gaggiato: la risposta alla domanda di salute globale è data dall’integrazione di varie professionalità e qui tiriamo in ballo la nutrizione, la medicina estetica e l’osteopatia.

L’aiuto effettivo che l’Osteopatia può apportare alla medicina allopatica può risiedere nei trattamenti per la normalizzazione delle distonie neurovegetative, uno dei campi dove le tecniche dell’Osteopatia trova grandi soddisfazioni e ottimi risultati con un numero medio di 4 sedute per cominciare a ridurre notevolmente questi disturbi.

Per maggiori informazioni sull’approccio Nutrizione-Osteopatia-Invecchiamento e Benessere contattaci al numero 0422 842588!

Potrebbe interessarti anche